This post has
0
votes
vote for this article

Infissi di condominio e decoro architettonico

E adesso vi parliamo del decoro architettonico e degli infissi. Sono due parole strettamente correlate.

Insomma vi parliamo delle autorizzazioni di condominio in merito al cambio sostituzione degli infissi esterni. Le domande correlate a questa principale sono spesso se si possa o meno cambiare il colore degli infissi. La loro linea. Quali autorizzazioni si debba richiedere se potere fare tutto senza permesso.
Insomma queste sono le domande a cui cercheremo di dare una risposta.

Va da se che questa domanda è tanto importante quanto lo stato anche per il 2017 consente di potere fare le detrazioni fiscali sugli infissi sino al 50%.

Nello specifico un condomino vuole cambiare i propri infissi quali parametri deve rispettare?
Ci risponde il 1120 del codice civile ossia il decoro architettonico.
Prima di entrare nello specifico il concetto base è che gli infissi non possono arrecare pregiudizio oltre alla stabilità e alla sicurezza dello stabile. In caso contrario un qualunque condomino oppure direttamente l’amministratore dell’edificio potrà chiederne la rimozione. Quindi le innovazioni introdotte non devono essere nè gravi e nemmeno appariscienti. Vedi le inferriate. Devono avere un aspetto armonico con la struttura preesistente.
A questo punto vediamo cosa dice nello specifico il comma 2 del 1120 ossia

Sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architettonico o che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino.
Questo secondo il codice la giurispuredenza precisa inoltre che

definendolo come l’insieme armonico delle linee architettoniche e delle strutture ornamentali dell’edificio condominiale, idonee a conferire al fabbricato una propria identità.
L’azione del condomino a tutela del decoro architettonico, in quanto estrinsecazione di una facoltà insita nel diritto di proprietà, è imprescrittibile.

Esempi di Decoro Architettonico e infissi


Entriamo un attimo nello specifico di cosa significhi questa definizione. Preciso che questi esempi sono ripresi direttamente da sentenze della corte di cassazione.
E’ alterazione del decoro archietettonico e quindi non consentito.
un balcone in ferro che modificava l’ordine geometrico di una successione di balconi.
la sostituzione dei serramenti delle finestre nel caso il regolamento di condominio preveda la sostituzione con uguali serramenti.

l’apposizione di cartelloni pubblicitario che occupi interamente o parzialmente parti delle pareti dell’edificio.

la sostituzione di precedenti infissi di alluminio con strutture murate e vetrate.

Riferimenti articoli

Brocardi
[1] Cass. sent. n. 8731 del 3.09.1998.

[2] Cass. sent. n. 6397 del 10.12.1979.

[3] Cass. sent. n. 6640 del 31.07.1987.

[4] Cass. sent. n. 4474 del 15.05.1987.

[5] Cass. sent. n. 6341 del 16.05.2000.

Fabrizio S. on GoogleFabrizio S. on Youtube
Fabrizio S.
Programmatore Web di linguaggi di programmazione quali PHP, C#, Java, J2EE e molti linguaggi di Scripting come Javascript e Actionscript. Ho lavorato e lavoro su sistemi linux centos e ubuntu distribuiti. Mi diletto su articoli SEO.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: