Category Archives: Seo

I migliori tool SEO free e premium on line

Vi offriremo adesso un’ampia panoramica dei vari strumenti SEO utili per comprendere il problema del posizionamento del vostro sito nei motori di ricerca. Ovviamente faremo una distinzione fra i tool SEO free e quelli premium. Dove per free intendiamo quelli gratuiti. E per premium quelli a pagamento In una precedente guida vi abbiamo già parlato di SEMRush con i suoi pregi e difetti. Sicuramente si tratta dello strumento più affidabile in materia di SEO, ma ovviamente ha un prezzo.  Accanto a lui ci sono molti altri strumenti del genere che andiamo adesso ad elencarvi.

Tool  SEOZoom

Tool SEO Seozoom

 

Partiamo con questo progetto principalmente per due motivi. In primis è ottimo per fare del SEO , posizionamento delle parole chiavi, competitors, analisi dei volumi di traffico etc. Ma sopratutto parte da un progetto italiano. E’ molto simile a SEMRush. Diciamo che sono due diretti competitori. E’ la nostra risposta italiana. Anche il prodotto italiano presenta una parte free e una premium con la differenza che i prezzi sono più contenuti. Si parte da 49 euro in su. Pagina Applicazione SEOZoom

Übersuggest

Tool SEO Ubersuggest
Un altro tool SEO molto facile da utilizzare è sicuramente Übersuggest. Questa volta non si inserisce la vostra url ma la keyword di interesse. Il tool on line restituirà una lunga fila di parole chiave da Google Suggest. E’ possibile anche fare delle richerche mirate. Pagina applicazione Ubersuggest

Keyword.io

Tool SEO Keyword
E’ un software tipo Übersuggest analizza e suggerisce parole chiave secondo il modello della coda lunga. Le sue ricerche oltre che da Google provengono anche da Wikipedia, Ebay, Youtube, Amazon , Pond5 etct. Quindi a differenza del precedente modello è più orientato a comprendere il meccanismo SEO dell’e-commerce. Pagina dell’applicazione Keyword

AnswerThePublic.com

ToolSeo Answerpublic
Si tratta di un prodotto molto innovativo. Unisce un forte impatto grafico al concetto di coda lunga. I risultati sono visualizzati in ambito strettamente grafico fornendo delle frasi di ricerca che hanno al loro interno la keyword cercata. Pagina Apllicazione AnswerThePublic.com

Ovviamente a fianco a questi ci sono anche i software più tradizionali come Ahref, Moz, Majestic di cui vi abbiamo già parlato in precedenza.

SEMRush tool professionale SEO per scovare i competitors e keywords

E torniamo adesso a parlarvi di un altro strumento SEO un utile tool per pianificare le vostre strategie per la ricerca delle keyword ma non solo. Si tratta appuno di Semrush una potente suite internazionale che effettua le sue ricerche in 130 paesi sul SERP di Google. Il suo utilizzo è estremamente semplice. Vi basterà immettere l’url del sito che volete analizzare . Diciamo che avete già fatto tutto. Il resto è la comprensione dei risultati che vi fornirà il sistema. Il sistema vi fornirà i principali backlink del vostro sito e vi vostri competitors per quelle parole chiave. Inoltre Semrush vi fornirà tutta una serie di parole chiave relative al vostro sito e analizzerà la loro posizione nei motori di ricerca. Inoltre delle stesse vi indicherà quali sono quelle che hanno portato maggiore traffico l vostro sito.
Inoltre SEMRush analizzerà i trend di google , ossia le sue ricerche organiche e vi indicherà nuove possibilità di traffico per nuove parole chiave. Oltre a questo il sito vi mostrerà una dinamica dei link guadagnati e dei link persi e i loro anchor text per sapere con quali chiavi viene linkato il vostro sito.

Il sito si basa su due possibilità una parte premium e una parte free. Con la secondo potrete fare fino a 10 interrogazioni al giorno al loro database. Altrimenti dovrete ricorrere al modello a pagamento premium. I prezzi non sono esattamente economici. Il progetto è americano e quindi il pagamento va effettuato in dollari con carta di credito. Si va dai 99 dollari al mese per il basic fino ai 400 dollari per il Business.

Vantaggi e Svantaggi utilizzo di SEMRush.

SEMRush

SEMRush è considerato a oggi il migliore modello progetto per fare analisi SEO a pagamento e anche secondo noi lo è. I suoi dati sono assolutamente precisi e veritieri. E’ ovvio che tutta questa professionalità ha un costo . Magari se dovete iniziare a comprendere il SEO non è esattamente il modello migliore. E’ più rivolto ai professionisti del settore. Non certamente ai principianti insomma a chi vuol fare un pò di SEO da solo. In quanto fornisce una mole di dati che possono anche confondere.

 

Pagina dell’applicazione

Le ricerche nel Mobile superano quelle del Desktop. Cosa cambia nel SEO.

Le ricerche su dispositivo mobile cellulare smartphone di fascia alta di Google rappresentano oggi circa il 57% del traffico di ricerca complessivo effettuato . Il traffico sul sito web mobile è sta addirittura superando il traffico tradizionale del desktop, secondo un nuovo studio realizzato dalla BrightEdge di marketing dei contenuti.

Dato che suggerisce un significativo spostamento dell’indice di ricerca mobile  Google . BrightEdge ha dichiarato che la sua ricerca ha confermato l’emergere di due indici di ricerca separati – uno per desktop e uno per il mobile – con il 47% delle parole chiave che si posizionano fra il primo e 20 posto che ottengono un posizionamento differente fra desktop e mobile.

Inoltre, lo studio ha rilevato che la prima pagina che classifica per un dominio in una query di ricerca desktop è diversa nelle pagine dei risultati di ricerca di motori mobili  per un valore percentuale di  circa il 35% delle ricerche.

 

 

Ottimizzare il sito per il Mobile per ottenere stare al passo con il SEO.

Abbiamo sentito parlare dell’impatto della ricerca mobile per un po ‘di tempo, quindi questo studio non dovrebbe apparire  come una sorpresa completa . C’è più dettaglio, naturalmente, alle lezioni che possono essere apprese da questo studio, ma gran parte di esso è che BrightEdge presenta alcune prove che il traffico di ricerca mobile rappresenta la maggior parte del traffico di ricerca con una crescita marginale del periodo del 14%

La frequenza con cui i risultati di ricerca di  Google sono mutati porta i titolari di siti web ad affrontare  un processo di ottimizzazione verso il mobile. Cambiano , i contenuti e le  strategie di marketing che devono necessariamente riflettere  queste differenze.

Nello studio, BrightEdge rileva che Carlos Spallarossa, direttore di SEO a L’Oréal, sta spingendo in direzione di una nuova campagna verso il mobile

 

 “Stiamo sviluppando contenuti con una prima prospettiva mobile per connettersi con i nostri utenti con informazioni, consigli e recensioni – soprattutto quando sono vicini ad un negozio dove possono acquistare facilmente”,

Altri potrebbero non essere così lontani per capirlo, e BrightEdge ha alcuni suggerimenti su come cambiare i loro approcci. Progettazione e ottimizzazione dei siti web per la velocità e la mobilità sono un inizio, ma tra gli altri suggerimenti elencati nello studio, i dettaglianti e le marche devono comprendere diversi segnali di intenti di consumo online su dispositivi desktop e mobili. Inoltre, la produzione di contenuti separati per cellulari e desktop che risonano su più tipi di dispositivi è una buona idea. BrightEdge inoltre consiglia di monitorare, confrontare e segnalare continuamente la parte mobile e desktop del traffico, nonché di monitorare separatamente il rango di ricerca organico per cellulari e desktop.

Il commercio mobile può sembrare una volta non essere altro che un sottoinsieme dell’universo di commercio elettronico più ampio, ma ora sta diventando chiaro che il mobile sta analizzando il proprio territorio unico.

Esempio API Key Moz Seo per il DA e il PA

Ci occupiamo adesso in questo nuovo articolo delle API Key di Moz. Ossia dei codici tramite i quali un’azienda ci permettere di accedere ad alcuni dati sensibili. Ovviamente in questo caso ci stiamo occupando del mondo ambito SEO.

 

Prima di partire un attimo di storia .

 

Che cosa è Moz

 

Si tratta di una casa specializzata nel SEO ed in particolare nello stabilire un valore della pagina. Sono infatti famosi nel mondo SEO WEB i termini DA e PA. Ossia Domain Autority che tiene conto di quanto sono buoni i collegamenti verso il vostro sito. Mentre il Page Autority tiene conto di quanto è buono livello deila pagina del vostro sito. In dettaglio trovate tutto su Domain Autority e Page Autority.

 

Quindi se volete sapere un determinato valore di un determinato sito dovrete andare direttamente sul sito  di Moz . Oppure se volete che altri utenti visionino tali informazioni dal vostro sito dovrete ricorrere necessariamente alle API di Moz. Ne offre di due tipi. Fino a 1 query ogni 10 secondi e fino 25000 mila la mese. Sopra dovrete pagare. Questo ad oggi poi ovviamente sono parametri mutevoli. Quindi il primo passo è avere un accesso a Moz. Fatto questo richedete l‘API KEY

 

A questo punto potrete accedere tramite questi dati a tutti i parametri di cui siete interessati. La lista dei dai a cui vi permette di accedere è veramente molto vasta. Si va dalle metriche inbound, social ai link di qualità , DA, PA etc. etc.

Diciamo che i parametri principali sono

 

I metodi di accesso sono comuni a tutti. Vediamo qualche esempio per chiarire.

 

Il primo passo comune a tutti è quello di inserire due variabili con le API Key di MOZ



$accessID = "XXXXXXXXXXXXXXXX";
$secretKey = "XXXXX-XXXXXXXXXXX-XXXXXXXXXX";;


// Impostate un periodo di scadenza non eccessivamente lungo. 5 minuti è perfetto

$expires = time() + 300;


// e mettetelo insieme all'access ID con cui farete la richiesta


$stringToSign = $accessID."\n".$expires;


//il tutto viene segretato tramite un codice crittografato in quanto in rete non si deve vedere nulla.
$binarySignature = hash_hmac('sha1', $stringToSign, $secretKey, true);
$urlSafeSignature = urlencode(base64_encode($binarySignature));





//introciamo il col ossia il servizio a cui volete accedere che trovate nei tre link che ho messo sopra


$cols = "68719476736";


//componiamo l'url per la richiesta


$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;


// Put your URLS into an array and json_encode them.
$batchedDomains = array('www.dominio1.ext', ''www.dominio2.ext', ''www.dominio3.ext');


// fate l'encode per porlo in formato json

$encodedDomains = json_encode($batchedDomains);


// Usate il modo  Curl per mandare la vostra richiesta
// settiamo il ritorno a vero e il postfield con il valore del json dell'encode sopra e inoltriamol a richiesta con il metodo curl appunto
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true,
 CURLOPT_POSTFIELDS => $encodedDomains
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close( $ch );

/// decodifichiamo la risposta ottenuta che è in formato json e la mandiamo a video
$contents = json_decode($content);
print_r($contents);

 

Questo è un esempio abbastanza esaustivo se volete ve ne mostriamo altri


// Get your access id and secret key here: https://moz.com/products/api/keys
$accessID = "xxxxxxxxxxx";
$secretKey = "xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx";
// Set your expires times for several minutes into the future.
// An expires time excessively far in the future will not be honored by the Mozscape API.
$expires = time() + 300;
// Put each parameter on a new line.
$stringToSign = $accessID."\n".$expires;
// Get the "raw" or binary output of the hmac hash.
$binarySignature = hash_hmac('sha1', $stringToSign, $secretKey, true);
// Base64-encode it and then url-encode that.
$urlSafeSignature = urlencode(base64_encode($binarySignature));
// Specify the URL that you want link metrics for.
$objectURL = "www.ilblogdiuominiedonne.net";
// Add up all the bit flags you want returned.
// Learn more here: https://moz.com/help/guides/moz-api/mozscape/api-reference/url-metrics
$cols = "103079215108";

//$cols="128";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);

echo "<br>////////////////////////////////////////////////////////////////////<br><br><br><br><br>";

$obj = json_decode($content);
echo($obj->upa); // Doe


echo "<br>///////////////////////////LINK//////////////////<br><br><br><br><br>";


$cols="549755813888";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);

echo "<br>///////////////////////////Lhttp status code//////////////////<br><br><br><br><br>";


$cols="536870912";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);


echo "<br>///////////////////////////EQUITY LINK 256 link che passano valore esterni interni al sito//////////////////<br><br><br><br><br>";


$cols="256";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);


echo "<br>///////////////////////////EQUITY LINK 256 link che passano valore esterni interni al sito//////////////////<br><br><br><br><br>";


$cols="256";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);


echo "<br>///////////////////////////LINK TOTALI//////////////////<br><br><br><br><br>";


$cols="2048";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);

echo "<br>/////////////////////////DOMAIN AUTORITY e PAGE AUTORIYU//////////////////<br><br><br><br><br>";

$expires = time() + 300;
// Put each parameter on a new line.
$stringToSign = $accessID."\n".$expires;
// Get the "raw" or binary output of the hmac hash.
$binarySignature = hash_hmac('sha1', $stringToSign, $secretKey, true);
// Base64-encode it and then url-encode that.
$urlSafeSignature = urlencode(base64_encode($binarySignature));
// Specify the URL that you want link metrics for.
$objectURL = "www.noirsolutions.net";
// Add up all the bit flags you want returned.
// Learn more here: https://moz.com/help/guides/moz-api/mozscape/api-reference/url-metrics
$cols = "103079215108";
// Put it all together and you get your request URL.
// This example uses the Mozscape URL Metrics API.
$requestUrl = "http://lsapi.seomoz.com/linkscape/url-metrics/".urlencode($objectURL)."?Cols=".$cols."&AccessID=".$accessID."&Expires=".$expires."&Signature=".$urlSafeSignature;
// Use Curl to send off your request.
$options = array(
 CURLOPT_RETURNTRANSFER => true
 );
$ch = curl_init($requestUrl);
curl_setopt_array($ch, $options);
$content = curl_exec($ch);
curl_close($ch);
print_r($content);

 

 

che come potete vedere fa piu’ richieste contemporanemaente.

Come migliorare il SEO con Google News

Vi parliamo adesso di Google News in ambito SEO. Molti di voi si chiederanno ovviamente il motivo. Insomma cosa ha a che fare la ricerca delle parole chiave per essere indicizzati nei motori di ricerca con il feed aggregatore di Google non è di immediata comprensione.
Insomma Google News non è esattamente l’ultimo prodotto lanciato da G. Addirittura si fa risalire al 2002. Il fatto è che fino ad adesso non è mai stato particolarmente sviluppato. Di conseguenza anche in ambito SEO non è mai stato particolarmente preso in considerazione è ovvio che le due cose vanno abbastanza di pari passo.

Ed è altrettanto ovvio che il motivo per cui vi stiamo parlando di Google News è che le cose siano cambiate.
E la cosa è quasi un paradosso. Infatti si passati da una sperimentazione di Google per stare al passo con le tendenze degli aggregatori a un prodotto che si è sviluppato quando gli aggregatori sono di fatto finiti. Insomma veramente funzionanti ne esistono veramente poche realtà.

Il segreto di questo improvviso successo è il fatto che Google ha deciso di puntare fortemente su di esso.
Infatti se scrivete alcune parole specifiche di keywords aventi rilevanti traffico vi renderete conto che oltre le normali ricerche ci sono anche quelle introdotte dall’aggregatore. Che Google chiama convenzionalmente News o Notizie.

Qual’è la vera portata di questo traffico? Beh non poco si stima che il traffico aggiuntivo sia introno al 5 , 10% del sito.
Insomma non è esattamente poca cosa.

Oltretutto se un vostro sito vi è inserito è ovvio che aumenta la fiducia del pubblico nel vostro sito, ma anche quella degli altri owner degli altri siti. Che saranno invogliati a linkare il sito sull’aggregatore. Quindi siti di successo che linkano altri siti di successo. Insomma con il serio rischio di creare un circolo chiuso. Cosa che ha già fatto guadagnare a Google altre rogne legali per abuso di posizione dominante.
Ma che insomma finirà sempre nel solito modo. Ossia Google pagherà la sua piccola multa rispetto ai ricavi che questo sistema gli genera e se ne riparlerà fra cinque anni.
E fin qui tutto il conosciuto.

Ma tutti possono avere il proprio sito inserito in Google News?

Consigli su Google News
No nella maniera più assoluta no. Diciamo che solamente i siti che hanno un taglio giornalistico possono farne parte e devono anche essere considerati dalla comunità di ottimo livello. L’inserimento non è fatto automaticamente ma da uno staff. Ad esempio questo sito che ha un taglio scientifico non verrebbe nemmeno preso in considerazione.
Questo è il mondo delle favole. Ossia quello che vi raccontano qui.
La realtà è molto ben diversa. Ossia ho visto siti dentro Google News che nulla hanno a che vedere con le SACRE norme di Google in materia. Ma il mondo girà in questa maniera.

Ora che avete inserito il vostro sito la domanda che ci poniamo è come arrivare nelle prime posizioni del ranking di Google News. Bene inteso che il robot che si occupa della scansione per l’aggregatore è differente di quello che si occupa del motore di ricerca tradizionale. In questa seconda veste infatti il robot cercherà la freschezza della notizia e la sua attendibilità secondo degli algoritmi di Google.

Gli strumenti di Google per fare SEO e pianificare Keywords

Vi parliamo ora degli strumenti SEO indispensabili per fare una corretta analisi del vostro sito web . Insomma i tool utili a realizzare un’analisi corretta per creare una strategia al fine di migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Le analisi che forniscono questi tool sono inerenti a

  • analisi dei backlink
  • link rotti
  • errori 404 pagine non trovate
  • errori 301 problemi di reindirizzamento
  • link rotti
  • ricerca keyword per il vostro sito
  • posizionamento dei vostri competitors
  • analisi e progetti.

A tutte queste tematiche risponde Google con i suoi strumenti SEO che andiamo adesso a vedere. Ovviamente si tratta di software molto potenti offerti in forma completamente gratuita. E sono gli stessi strumenti di cui i professionisti del SEO fanno largo utilizzo.

Google PageSpeed Insight

Strumento SEO Google page Speed

Si tratta di uno strumento offerto in forma gratuita che vi fa capire come un browser web carica la pagina del vostro sito. Sono previste due versioni una per testare il vostro sito in forma mobile e una da desktop per i pc. Al sito verrà attribuito un punteggio che concorrerà al vostro SEO. Inoltre il sistema stesso vi fornirà tutti i consigli da utilizzare per aumentare il vostro punteggio. Visita la pagine di G. Page Speed.

Google AdWords Keyword Planner.

 

Strumento SEO Keyword Planner

Questo strumento è invece molto utile per la pianificazione delle parole chiave. In sostanza vi permetterà di comprendere quali sono le keyword più pertinenti relative ad un determinato sito web. Questo strumento ancora una volta completamente gratuito genererà una lista di parole chiave ricercate dagli utenti e su queste attribuirà un valore secondo la pertinenza e la concorrenza. Unica nota su cui fare attenzione è che i dati non sono relativi al SERP di Google , ma alle ricerche fatte su AdWord. Pagina Applicazione Keyword Planner

Google Serach Console

Strumento SEO Search Console

E il vecchio Google Webmaster. Ossia il più potente e gratuito strumento per comprendere i problemi da cui è afflitto il vostro sito WEB. Nel particolare con questo strumento potrete vedere

  • errori di scansione
  • errori html
  • presenza malware
  • sitemap
  • usabilità mobile
  • stato dell’indicizzazione
  • link interni
  • link esterni
  • sitemap

Fra i servizi più importanti messi a disposizione. Pagina Applicazione Google Search Console

Google Trends

Strumento SEO Google Trend

Fra tutti gli strumenti messi a disposizione da Google sicuramente Trends è quello che prediligo. E’ veramente uno strumento molto potente e versatile. Fondamentalmente fa quello che dice di essere. Ossia per determinate parole chiave che gli fornite esaminerà l’andamento delle ricerche effettuate nel SERP di Google. Ossia il volume delle query. Proprio per questo motivo spesso e volentieri viene utilizzato in abbinamento con Google AdWords Keyword Planner. Con questo ultimo si cercano le parole meno competitive che abbiano un alto rendimento e con Google Trends si esaminano i volumi per comprendere se sia opportuno investire su quella keyword. Pagina Applicazione Google Trends

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: